martedì 21 maggio 2024
- Annuncio -
inizioCiaoQuando l'estrogeno viene testato, la sua mancanza ha sintomi

Quando l'estrogeno viene testato, la sua mancanza ha sintomi

L'estrogeno si riferisce a gruppo di ormoni, che svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo e nel funzionamento del sistema riproduttivo femminile. Il principale ormone estrogeno nel corpo è chiamato estradiolo, sebbene esistano altre forme di estrogeni, come l'estrone e l'estriolo.

L'estrogeno viene prodotto principalmente nelle ovaie, sebbene piccole quantità siano prodotte anche dalle ghiandole surrenali e in quantità minori dalla placenta durante la gravidanza. Negli uomini, gli estrogeni vengono prodotti in quantità minori dai testicoli.

Tipi di estrogeni e loro ruolo nel corpo

Il gruppo di ormoni estrogenici comprende diversi tipi di composti estrogenici. Il principale ormone estrogeno nel corpo è l'estradiolo, ma ci sono anche altre forme. I principali estrogeni sono:

Estradiolo (E2): questa è la forma più potente e predominante di estrogeni nelle donne in premenopausa. Viene prodotto principalmente nelle ovaie ed è responsabile dello sviluppo e del mantenimento dei caratteri sessuali secondari femminili e della regolazione del ciclo mestruale.

Estrone (E1): Estrone è una forma più debole di estrogeno rispetto all'estradiolo. Viene prodotto in una varietà di tessuti, comprese le ovaie, il tessuto adiposo e le ghiandole surrenali. Dopo la menopausa l'estrone diventa il principale estrogeno prodotto dall'organismo.

Estriolo (E3): L'estriolo è la forma più debole di estrogeno ed è prodotto in quantità significative quantità durante la gravidanza. Viene prodotto principalmente dalla placenta e aiuta a mantenere la gravidanza e a preparare il corpo alla nascita.

Questi tre estrogeni, estradiolo, estrone ed estriolo, costituiscono il gruppo principale di ormoni estrogeni nel corpo umano. L'equilibrio tra questi estrogeni è importante per le normali funzioni fisiologiche.

Inoltre, ci sono estrogeni sintetici usati nella terapia ormonale. Questi sono, ad esempio, l'etinilestradiolo, che è comunemente usato nei contraccettivi orali. Tuttavia, è importante notare che gli estrogeni sintetici possono avere proprietà ed effetti diversi rispetto agli estrogeni naturali. Il loro uso deve essere attentamente monitorato da professionisti medici.

Qual è il ruolo degli estrogeni nel corpo?

L'ormone influenza lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie. Con il suo aiuto, il seno delle donne cresce, i fianchi si espandono. Colpisce anche la distribuzione del grasso corporeo in un modello tipicamente femminile.

Un altro importante processo coinvolto è la regolazione del ciclo mestruale. Gli estrogeni aiutano a stimolare la crescita e lo sviluppo del rivestimento dell'utero (endometrio) durante il ciclo mestruale. Svolge anche un ruolo nella regolazione del ciclo mestruale interagendo con altri ormoni, come l'ormone follicolo-stimolante (FSH) e l'ormone luteinizzante (LH), che sono coinvolti nell'ovulazione.

Manutenzione del sistema riproduttivo e delle ossa

Gli estrogeni aiutano a mantenere la salute e la funzione degli organi riproduttivi femminili, inclusi l'utero, le tube di Falloppio e la vagina. Promuove anche la produzione di muco cervicale, che facilita il movimento degli spermatozoi attraverso il tratto riproduttivo.

Salute delle ossa: gli estrogeni aiutano a mantenere una corretta densità ossea inibendo il riassorbimento osseo. Svolge un ruolo cruciale nella prevenzione perdita ossea e osteoporosi, specialmente durante la menopausa quando i livelli di estrogeni diminuiscono.

Salute cardiovascolare e cervello

Gli estrogeni hanno un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare, favorendo la sana funzione dei vasi sanguigni e mantenendo livelli di colesterolo ottimali. Può anche aiutare a migliorare il flusso sanguigno e ridurre il rischio di malattie cardiache nelle donne in premenopausa.

Funzione cerebrale: gli estrogeni influenzano vari aspetti della funzione cerebrale, tra cui l'umore, la cognizione e la memoria. Si pensa che abbia un effetto neuroprotettivo e possa aiutare a ridurre il rischio di declino cognitivo legato all'età e malattie neurodegenerative.

Salute della pelle: gli estrogeni contribuiscono al mantenimento dell'elasticità, dell'idratazione e della densità della pelle. Svolge un ruolo nella riparazione e rigenerazione delle cellule della pelle.

L'estrogeno è presente anche nel corpo degli uomini, anche se in piccole quantità

È importante notare che gli estrogeni sono presenti anche negli uomini, anche se in quantità inferiori. Negli uomini, gli estrogeni aiutano a regolare la densità ossea, il metabolismo del colesterolo e la funzione riproduttiva.

Nel complesso, gli estrogeni svolgono un ruolo fondamentale in numerosi processi fisiologici durante la vita di una persona e il suo equilibrio è essenziale per una salute ottimale.

Quando viene eseguito un test degli estrogeni?

I livelli ottimali di estrogeni nelle donne attive in premenopausa possono variare. È importante capire che i livelli ormonali individuali possono variare entro limiti normali. I livelli di estrogeni sono solitamente misurati in picogrammi per millilitro (pg/mL) o picomoli per litro (pmol/L) negli esami del sangue. Le seguenti sono linee guida generali per i livelli di estrogeni nelle donne in premenopausa:

Estradiolo (E2): l'intervallo ottimale per l'estradiolo può variare in base alla fase mestruale, poiché i livelli fluttuano durante il ciclo mestruale. Tuttavia, in generale l'intervallo è solitamente compreso tra 30 e 400 pg/mL (110-1470 pmol/L) durante la fase follicolare (prima dell'ovulazione) e può aumentare fino a 100-600 pg/mL (370-2200 pmol/L) durante la fase luteale (dopo l'ovulazione).

Anche il rapporto tra estrogeni e progesterone deve essere monitorato. Oltre ai livelli assoluti di estrogeni, l'equilibrio tra estrogeni e progesterone è importante per una salute ormonale ottimale. Il rapporto tra estrogeni e progesterone dovrebbe idealmente essere bilanciato, con livelli di progesterone circa 100-300 volte inferiori ai livelli di estrogeni.

È importante notare che i livelli ormonali ottimali possono variare da individuo a individuo. Potrebbero esserci lievi variazioni dovute a fattori quali l'età, la salute generale e i profili ormonali individuali. Inoltre, anche i limiti di riferimento del laboratorio possono essere diversi. Dovresti sempre consultare un medico per interpretare i risultati specifici e tenerli in considerazione con lo stato di salute generale.

In che modo la menopausa influisce sui livelli di estrogeni?

La menopausa è un processo biologico naturale che si verifica nelle donne di solito tra i 45 ei 55 anni, anche se il tempo esatto può variare. Durante la menopausa, le ovaie diminuiscono gradualmente la loro produzione di estrogeni. Naturalmente, questo porta a un calo dei suoi livelli. Alla fine, i cicli mestruali si interrompono e si considera che una donna abbia raggiunto la menopausa quando ha passato 12 mesi consecutivi senza mestruazioni.

I cambiamenti ormonali durante la menopausa causano un calo significativo dei livelli di estrogeni. Mentre i livelli di estrogeni possono variare notevolmente tra gli individui, le seguenti sono linee guida generali per i livelli di estrogeni durante e dopo la menopausa:

Estradiolo (E2): Durante la menopausa, i livelli di estradiolo possono variare da circa 10 a 40 pg/mL (37-147 pmol/L). Successivamente, i livelli possono scendere ulteriormente a meno di 10 pg/mL (37 pmol/L).

È importante notare che si tratta di intervalli approssimativi e che i livelli ormonali possono variare da persona a persona. Inoltre, i livelli ormonali possono fluttuare durante la perimenopausa, il periodo di transizione che porta alla menopausa, che può durare diversi anni ed è caratterizzato da fluttuazioni ormonali e cicli mestruali irregolari.

ricerche di laboratorio

Determinare ciò che è considerato "normale" per i livelli di estrogeni durante e dopo la menopausa è complicato perché i livelli ottimali possono variare a seconda dei sintomi di un individuo, della salute generale e dei fattori di rischio personali. Alcune donne possono manifestare sintomi di carenza di estrogeni, come vampate di calore, secchezza vaginale o cambiamenti dell'umore, che possono indurre a prendere in considerazione la terapia ormonale o altri interventi.

Si raccomanda alle donne di consultare un professionista della salute specializzato in menopausa o salute ormonale per valutare le loro condizioni individuali, i sintomi e la salute generale. I test ormonali e una valutazione completa possono aiutare a determinare la linea d'azione appropriata e i potenziali interventi per affrontare eventuali sintomi o preoccupazioni relativi ai livelli di estrogeni durante e dopo la menopausa.

È sicuro aumentare i livelli di estrogeni in menopausa attraverso pillole ormonali o rimedi erboristici

La decisione di aumentare i livelli di estrogeni durante la menopausa attraverso pillole ormonali o rimedi erboristici dovrebbe essere presa in consultazione con un professionista della salute specializzato in menopausa o salute ormonale. Possono valutare le tue circostanze individuali, valutare rischi e benefici e fornire una guida personalizzata. Ecco alcune considerazioni da tenere a mente.

Pillole ormonali o cerotti noti come terapia ormonale sostitutiva (HRT)

Possono essere prescritti per alleviare i sintomi della menopausa integrando i livelli di estrogeni. La terapia ormonale sostitutiva può alleviare efficacemente sintomi come vampate di calore, sudorazione notturna, secchezza vaginale e sbalzi d'umore. Tuttavia, esistono potenziali rischi associati alla terapia ormonale sostitutiva, tra cui un aumento del rischio di coaguli di sangue, ictus, malattie cardiache e cancro al seno.

Questi rischi possono variare a seconda di fattori come l'età, la salute generale e la durata dell'uso di ormoni. È importante discutere i potenziali rischi e benefici con il proprio medico.

Terapia ormonale bioidentica (BHT)

Questo è un altro approccio. Gli ormoni bioidentici sono sintetizzati per avere la stessa struttura molecolare degli ormoni prodotti naturalmente dal corpo. Alcune donne scelgono la terapia ormonale bioidentica (BHT) come alternativa alla terapia ormonale sostitutiva tradizionale. BHT include prescrizioni ormonali personalizzate basate su test e sintomi ormonali individuali.

Sebbene alcune donne possano trovare sollievo con il BHT, è importante notare che la sicurezza e l'efficacia degli ormoni bioidentici sono ancora in discussione e sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i loro benefici e rischi.

Erbe e preparati a base di erbe per aumentare gli estrogeni

Alcune donne si rivolgono a rimedi erboristici o integratori alimentari per gestire i sintomi della menopausa. Gli esempi includono cohosh nero, isoflavoni di soia e trifoglio rosso. Sebbene questi rimedi naturali possano dare sollievo ad alcune donne, le prove sulla loro efficacia sono contrastanti e potrebbero non funzionare per tutte. È importante discutere l'uso di medicinali a base di erbe con il proprio medico, in quanto possono interagire con altri medicinali e possono avere una propria serie di rischi ed effetti collaterali.

In definitiva, la decisione di aumentare i livelli di estrogeni durante la menopausa dovrebbe basarsi su un'attenta valutazione dei sintomi individuali, della salute generale e dei fattori di rischio. È una buona idea avere tutto ciò che prendi come farmaci o integratori aggiuntivi sotto la supervisione di un medico. Può fornire una guida appropriata, monitorare i livelli ormonali e aiutare a gestire eventuali rischi associati alla terapia ormonale o ai medicinali a base di erbe.

Editore Ina Dimitrova

Immagine di gpointstudio su Freepik

Post correlati
- Annuncio -

POPOLARE

NUOVO

- Annuncio -
it_ITIT