giovedì, 20 Giugno, 2024
- Annuncio -
inizioCiaoTrattamento della congiuntivite: virale, batterica, allergica

Trattamento della congiuntivite: virale, batterica, allergica

Arrossamento e irritazione agli occhi sono sintomi che la maggior parte delle persone ha sperimentato prima o poi. Non tutte le lacerazioni sono automaticamente congiuntivite. Potrebbe trattarsi di un'irritazione temporanea degli occhi causata dalla polvere, dal sole oppure potrebbe trattarsi di secchezza oculare dovuta al lavoro prolungato sullo schermo. 

Cos'è la congiuntivite?

Nella congiuntivite si sviluppa infiammazione o infezione della congiuntiva. Questo è il tessuto sottile e trasparente che riveste l'interno della palpebra e copre la parte bianca dell'occhio. È considerata una delle malattie più comuni in oftalmologia, che colpisce persone di tutte le età. Fortunatamente, la condizione viene trattata con successo e esistono gocce efficaci per la congiuntivite e altri rimedi.

I tipi di congiuntivite possono essere descritti in base alla causa sottostante. Di solito viene diviso in infettivo e non infettivo.

Congiuntivite virale: sintomi e trattamento

Nella maggior parte dei casi è causato da adenovirus. I sintomi sono secrezione acquosa, arrossamento e irritazione, lacrimazione, sensibilità alla luce. Spesso c'è edema, gonfiore delle palpebre. Puoi orientarti se hai avuto qualche infezione respiratoria. Questa congiuntivite è altamente contagiosa e può trasmettersi ad altre persone attraverso il contatto diretto o indiretto con secrezioni oculari infette. Ad esempio, se ti asciughi gli occhi senza lavarti bene le mani, tocchi oggetti che poi finiscono addosso ad altre persone. 

Congiuntivite batterica: sintomi e trattamento

Questa congiuntivite è solitamente causata da batteri come Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae e Haemophilus influenzae. I sintomi sono secrezione purulenta o simile a pus, arrossamento, gonfiore e talvolta dolore. È anche altamente contagioso e si diffonde attraverso il contatto con superfici o secrezioni infette.

Congiuntivite allergica: sintomi e trattamento

È innescato da allergeni come pollini, acari della polvere o peli di animali domestici. I sintomi sono prurito, arrossamento, lacrimazione e gonfiore degli occhi. Spesso accompagnato da altri sintomi allergici come il naso che cola. A differenza della congiuntivite infettiva, questa congiuntivite non è contagiosa.

Altri tipi di congiuntivite: chimica, neonatale, papillare gigante

La causa è il contatto con sostanze irritanti come il cloro delle piscine, fumo o esalazioni. Le persone colpite di solito lamentano arrossamento, lacrimazione e disagio subito dopo l'esposizione. Inoltre non è una malattia contagiosa. 

Esistono anche altri tipi di congiuntivite. La congiuntivite papillare gigante, ad esempio, è associata all'uso prolungato di lenti a contatto o alla presenza di un corpo estraneo nell'occhio. I sintomi sono prurito, secrezione di muco e sensazione di corpo estraneo nell'occhio. A quanto pare neanche infetto. 

La congiuntivite neonatale è un'altra congiuntivite meno conosciuta. Può essere causato da infezioni batteriche, come quelle del canale del parto. I sintomi sono arrossamento, gonfiore e secrezione nei neonati. La forma batterica è contagiosa e richiede cure mediche immediate.

Trattamento a seconda del tipo di congiuntivite

Innanzitutto è necessario fare una diagnosi e determinare la causa della congiuntivite. Questo viene fatto con l'esame di un oftalmologo e test di laboratorio.

La congiuntivite virale è spesso autolimitante. Tratta principalmente i sintomi. Esistono gocce efficaci per la congiuntivite virale: lacrime artificiali. Si consigliano anche impacchi freddi.

Colliri o pomate antibiotiche funzionano in modo più efficace contro la congiuntivite batterica. Quando la causa è un'allergia, vengono prescritti antistaminici, decongestionanti (agenti antiedemigeni) o colliri antinfiammatori.

Per la congiuntivite associata a sostanze irritanti chimiche, lavare immediatamente gli occhi con acqua o soluzione salina. Nei casi più gravi, consultare un medico.

Si può avere l'influenza con congiuntivite? 

Sì, è possibile avere l'influenza e la congiuntivite contemporaneamente. Tuttavia, tieni presente che non tutte le malattie virali sono influenza, anche se è grave, è influenza. L’influenza classica colpisce più duramente il corpo e può indebolire il sistema immunitario. Ciò facilita le infezioni secondarie, inclusa la congiuntivite virale.

Esistono numerosi altri virus che possono causare congiuntivite. Ecco alcuni di quelli più comuni:

  • Adenovirus
  • Virus dell'herpes simplex (HSV)
  • Virus varicella-zoster
  • Enterovirus
  • Virus del morbillo
  • Virus della rosolia
  • Coronavirus (COVID-19), anche se meno comune.

Perché alcune persone sviluppano la congiuntivite da virus e altre no

Una domanda interessante è perché alcune persone hanno maggiori probabilità di sviluppare la congiuntivite e altre no, nonostante siano esposte agli stessi virus. Ci sono diverse ragioni per questo. Le differenze individuali nella forza e nella risposta del sistema immunitario sono una spiegazione. Inoltre, alcune persone potrebbero aver già avuto contatti con lo stesso virus e avere un’immunità parziale. Se lavori per ore al computer o soffri di uno squilibrio ormonale (tiroide, ecc.), ciò può portare ad un aumento della secchezza oculare. Pertanto, i virus superano più facilmente la barriera lacrimale protettiva dell’occhio.

Le variazioni genetiche possono influenzare il modo in cui il corpo risponde alle infezioni virali. Alcuni geni possono rendere alcune persone più suscettibili allo sviluppo di congiuntivite se infettate da virus specifici. I tipi di antigene leucocitario umano (HLA) possono influenzare le risposte immunitarie, rendendo alcune persone più suscettibili alle infiammazioni oculari.

Le persone che indossano lenti a contatto corrono un rischio maggiore di sviluppare congiuntivite, soprattutto se non seguono adeguate pratiche di igiene delle lenti. Anche fattori ambientali come l’inquinamento, il fumo o gli allergeni hanno un effetto negativo.

I neonati, i bambini piccoli e gli anziani hanno un sistema immunitario più debole, il che li rende più suscettibili alle infezioni, inclusa la congiuntivite. Le fluttuazioni ormonali, come quelle durante la pubertà o la gravidanza, possono influenzare la funzione immunitaria e la suscettibilità alle infezioni.

Quanto dura la congiuntivite?

La durata della congiuntivite dipende dalla causa sottostante. La viralità dura solitamente dai 7 ai 14 giorni, ma in alcuni casi può persistere fino a tre settimane. Sintomi come arrossamento, secrezione acquosa e irritazione di solito iniziano a migliorare entro una settimana. Tuttavia, l’occhio può rimanere leggermente rosso per un periodo di tempo più lungo.

La congiuntivite virale è altamente contagiosa durante i primi giorni, quando i sintomi sono più gravi. Rimane infetto mentre gli occhi sono rossi e lacrimano.

Con un adeguato trattamento antibiotico, la congiuntivite batterica spesso migliora in modo significativo entro 2 o 3 giorni, ma può durare fino a una settimana o più senza trattamento. Sintomi come secrezione purulenta, arrossamento e gonfiore iniziano a scomparire entro pochi giorni dall'inizio dell'assunzione di gocce o pomate antibiotiche. La congiuntivite batterica è contagiosa finché gli occhi non smettono di produrre secrezioni e la persona assume antibiotici per almeno 24-48 ore.

La congiuntivite allergica di solito dura finché una persona è esposta all’allergene. 

Come affrontare il gonfiore nella congiuntivite?

L'edema o il gonfiore delle palpebre è un sintomo comune della congiuntivite. Cosa sai fare? L’applicazione di impacchi freddi può ridurre significativamente il gonfiore e fornire un sollievo immediato. Utilizzare un panno pulito o un panno freddo e umido. Può essere infuso con camomilla, tè verde o nero o anche semplice acqua. Applicare sulle palpebre chiuse per 10-15 minuti più volte al giorno. Il freddo aiuta a restringere i vasi sanguigni, riducendo l’infiammazione e il gonfiore.

Nella congiuntivite allergica, gli antistaminici possono essere efficaci nel ridurre sia il gonfiore che altri sintomi allergici.

Pillole come la loratadina o la cetirizina possono aiutare a ridurre le reazioni allergiche comuni. Questi sono nomi di molecole farmaceutiche, i preparati stessi sono venduti in farmacia con nomi commerciali diversi.

I colliri antistaminici come il ketotifene possono affrontare direttamente i sintomi oculari, incluso il gonfiore. I farmaci antinfiammatori non steroidei o i colliri corticosteroidi (prescritti solo da un medico) possono aiutare a ridurre l’infiammazione e il gonfiore.

Bevi molta acqua per aiutare a eliminare le tossine e ridurre l'infiammazione. Includere alimenti ricchi di acidi grassi omega-3 come pesce, semi di lino e noci. Aiutano a ridurre l'infiammazione. Alzare la testa mentre si dorme su un cuscino più alto aiuta a ridurre il gonfiore intorno agli occhi.

Autrice Iliana Angelova

Post correlati
- Annuncio -

POPOLARE

NUOVO

- Annuncio -
it_ITIT