mercoledì, 29 Maggio, 2024
- Annuncio -
inizioCiaoQuando c'è il rischio di ictus con ipertensione?

Quando c'è il rischio di ictus con ipertensione?

L'ipertensione (pressione alta) aumenta decisamente il rischio di complicanze cardiovascolari come ictus, infarto, ecc. Quando i valori della pressione sanguigna sono troppo alti, può portare alla rottura del cervello. Lo afferma il Prof. Krasimira Hristova, MD. È la direttrice medica di un centro per le malattie cardiovascolari a Sofia, nonché specialista in cardiologia con oltre 25 anni di esperienza.In questo senso, ci sono alcune importanti considerazioni relative a il trattamento e il monitoraggio della pressione alta, di cui parleremo in questo articolo.

Alcune delle complicanze dell'ipertensione arteriosa possono essere temporanee, come gli attacchi ischemici transitori. Tuttavia, altri portano a ictus ischemico o emorragico. Questa è già una condizione grave che può lasciare effetti duraturi sulla salute.

Il sangue con limiti di 160-170 superiori e 100-110 inferiori è pericoloso

misurazione della pressione alta

Le persone a cui è stata diagnosticata l'ipertensione per anni sono maggiormente a rischio. Spesso mantengono valori alti e stabilmente. Sono considerati tali quando il limite superiore (sistolico) è intorno a 160-170 e quello diastolico inferiore è superiore a 100-110. L'iperteso tipico ha anche altri problemi. Di solito è in sovrappeso, mangia cibi salati e grassi, consuma alcolici regolarmente. Inoltre, soffre di immobilità. Molte persone fumano per alleviare soggettivamente la tensione interna e lo stress, ma peggiorano ulteriormente la loro condizione.

C'è anche il cosiddetto ipertensione notturna, quando la pressione sanguigna aumenta nelle ore piccole. Questo è difficile da rilevare nello studio del medico, pur essendo una delle principali cause di uno scarso controllo dell'ipertensione. Ogni cardiologo ha pazienti che hanno avuto complicazioni solo di notte.

Cosa sono i valori del sangue falsi positivi

ipertensione pressione alta

L'obiettivo principale di qualsiasi trattamento per l'ipertensione è controllare i valori elevati e portarli entro limiti accettabili. Devono essere monitorati con holter per almeno 24 ore.

"Il motivo è che alcuni dei valori durante l'esame in ufficio possono essere falsi positivi, e quindi il paziente ha una pressione sanguigna normale. Inoltre, in ufficio, i valori possono essere relativamente normali, e in seguito diventano alti, non li notiamo e trascuriamo il trattamento.

Consigliamo quindi, anche quando abbiamo una terapia consolidata, di posizionare un holter per darci un quadro reale. È sbagliato fare il monitoraggio in condizioni ospedaliere, dovrebbe essere in un ambiente normale, quando una persona è a casa e al lavoro", ha commentato la Prof.ssa Hristova.

Qual è il trattamento per i pazienti con ipertensione e una storia di ictus?

benefici delle pillole di droga

I valori ematici target per tali pazienti ad alto rischio sono 120-130 per il limite superiore e 80-85 per il limite inferiore. Bisogna fare attenzione che non diventino troppo bassi. C'è il rischio di interrompere l'autoregolazione interna del cervello. Se il sangue scende al di sotto di 100 su 60, soprattutto nelle persone anziane, questo è un onere aggiuntivo per il corpo.

Se i valori sono superiori a 160 per 100, i pazienti devono essere curati. Il rischio di un ictus ripetuto è molto più alto rispetto ai pazienti che non ne hanno mai avuto uno prima. Ecco perché è importante che le persone misurino il loro sangue al mattino e alla sera, ma questo dovrebbe essere fatto circa un'ora, un'ora e mezza dopo aver preso le medicine. Si sconsiglia di misurare prima il sangue e assumere farmaci in base ai valori.

La pressione alta è pericolosa anche se non ci sono sintomi

Anche i valori della pressione sanguigna che si verificano senza sintomi evidenti o che presentano disturbi minori sono pericolosi. Il trattamento è necessario per prevenire complicazioni. Non dobbiamo trascurare nemmeno i pazienti con disturbi del ritmo, perché l'ipertensione può essere una delle cause della fibrillazione atriale.

Quando prendere in considerazione la possibilità di cambiare i farmaci per l'ipertensione

Quando un'ipertensione arteriosa non risponde al trattamento, si parla di esaurire l'effetto di questi farmaci. Ciò accade con gli ACE-inibitori dopo il quinto o il sesto anno di utilizzo. Il farmaco può essere cambiato quando abbiamo raggiunto il dosaggio massimo e non possiamo ottenere un buon controllo della pressione sanguigna. Il mio consiglio è, dopo che abbiamo seguito la terapia di combinazione, sono state somministrate le dosi massime, quindi procedi solo a cambiare la terapia.

I farmaci moderni usati per trattare l'ipertensione arteriosa sono a lunga durata d'azione. Con loro, l'effetto si verifica più lentamente. Di solito lo cerchiamo dopo la seconda settimana al primo mese. Quindi non affrettiamoci, ma rassicuriamo semplicemente il paziente che non c'è modo di raggiungere valori da 120 a 80 dopo un cambio di terapia dopo soli 2-3 giorni. Alcune persone si normalizzano più velocemente, altre hanno bisogno di un po' di pazienza.

Editore Ina Dimitrova

Post correlati
- Annuncio -

POPOLARE

NUOVO

- Annuncio -
it_ITIT