Sabato 22 giugno 2024
- Annuncio -
inizioCiaoSintomi e trattamento dell'allergia all'aspirina

Sintomi e trattamento dell'allergia all'aspirina

L'aspirina (acido acetilsalicilico) è una delle medicine più popolari per il raffreddore, il dolore o il malessere generale. Tuttavia, sapevi che puoi anche sviluppare un'allergia ad esso, anche dopo averlo usato per anni senza problemi? Quando, come e perché si verifica un'allergia all'aspirina, qual è il possibile trattamento, spiega l'allergologo Dr. Mariana Mandazhieva. Puoi fissare un appuntamento per un esame o un test con lei al tel. 0877589040, 0876962575. Ammissione tramite rinvio al regime nazionale di assicurazione sanitaria, da parte dell'assicuratore o ammissione gratuita.

Subito dopo la scoperta dell'aspirina per uso di massa nel 1899, apparvero i primi rapporti di gravi reazioni allergiche. Negli anni della pandemia, anche questo farmaco quasi universale veniva usato abbastanza spesso. Fa parte del gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), in particolare della classe COX 1 - inibitori, che comprende anche ibuprofene, naprossene, diclofenac, indometacina, piroxicam, analgin, ecc. Questi farmaci sono talvolta inclusi nella composizione di preparati combinati, quindi è importante leggere il foglio illustrativo o almeno le informazioni sulla confezione.

L'allergia ai farmaci del gruppo dei FANS è uno dei motivi più comuni per cui i pazienti vengono ricoverati in ospedale con una reazione allergica. Quello all'aspirina può essere un fenomeno isolato, ma non sono rari i casi di reazioni allergiche ai farmaci dell'intero gruppo degli antinfiammatori non steroidei (FANS).

Sintomi di allergia all'aspirina

L'allergia (ipersensibilità) all'aspirina o ai FANS può causare sintomi da lievi a gravi. Le reazioni si verificano più spesso entro pochi minuti o un'ora dopo l'assunzione del farmaco, ma alcune possono verificarsi dopo diverse ore.

Questi di solito includono:

  • Orticaria (orticaria);
  • Pelle pruriginosa;
  • Rinorrea;
  • Occhi rossi;
  • Gonfiore di varie aree dei tessuti molli del corpo e della testa: labbra, palpebre, lingua, gola, inguine, palmi e piedi;
  • Tosse, respiro sibilante o mancanza di respiro;
  • Calo della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca, svenimento e perdita di conoscenza.

Sono stati identificati diversi tipi di reazioni di ipersensibilità all'aspirina e ai FANS:

  •  Il rischio di una reazione avversa all'aspirina e ai FANS è più comune nelle persone che soffrono di asma, polipi nasali e sinusite cronica. In loro, l'assunzione di aspirina è stata seguita da mancanza di respiro, respiro sibilante e naso chiuso (congestione nasale). Questa condizione è nota come malattia respiratoria esacerbata dall'aspirina (AERD).
  • Un altro tipo di reazione si verifica nelle persone che hanno già l'orticaria cronica. Circa 20% a 40% di pazienti con orticaria cronica idiopatica hanno riportato un peggioramento dell'orticaria e/o gonfiore (angioedema) durante l'assunzione di aspirina o FANS.
  •  In rari casi, una reazione allergica all'aspirina e ai FANS può manifestarsi solo come gonfiore isolato (angioedema) delle palpebre. Si osserva principalmente nei bambini e negli adolescenti con allergia respiratoria agli acari della polvere domestica.
  • Anafilassi, la reazione di ipersensibilità più grave e pericolosa per la vita all'aspirina e ai FANS. Può iniziare con l'orticaria dopo l'assunzione di uno specifico farmaco antinfiammatorio non steroideo. Molto spesso è Analgin, e in altri casi ibuprofene, diclofenac o paracetamolo. Per questo motivo è definito come un tipo selettivo di ipersensibilità.
  • Eruzioni cutanee di diversa natura e con diversi tempi di comparsa: minuti, ore e talvolta anche giorni dopo l'assunzione di FANS.
  • Le reazioni allergiche (ipersensibilità) all'aspirina o ai FANS sono molto spesso improvvise e imprevedibili. Possono verificarsi anche in persone che non hanno mai avuto una malattia allergica. Inoltre, i sintomi possono comparire dopo aver assunto il farmaco in questione per anni senza lamentarsi.

Come prendersi cura di se stessi e quando consultare un medico

Avere asma, sinusite o polipi non significa necessariamente sviluppare un'allergia all'aspirina, al paracetamolo, all'ibuprofene o al naprossene. Non devi necessariamente evitarli. Tuttavia, se hai mai avuto una reazione grave a un FANS o non sei sicuro di come reagiresti all'assunzione di tali farmaci di nuovo, è meglio astenersi da tutti i FANS fino a quando non sei stato valutato da un allergologo.

Non esiste alcun test o studio specifico che possa determinare il rischio di allergia all'aspirina. La complessa situazione di ogni paziente dovrebbe essere considerata da un allergologo, che valuterebbe quali sono i fattori aggravanti (co-fattori) per l'insorgenza di un'allergia all'aspirina e ai FANS. Sulla base di ampie informazioni sul principale problema di salute, sulle eventuali malattie che accompagnano, l'assunzione simultanea del farmaco con determinati alimenti, l'alcol, lo stato di stress personale, l'assunzione simultanea con un altro farmaco specifico e la condizione fisica, lo specialista determinerà il possibilità per una terapia sicura del dolore e della febbre in vista.

A questo proposito è bene ricordare che l'aspirina e altri FANS sono inclusi nella composizione di molti farmaci da banco consigliati per il raffreddore e le sindromi dolorose, comprese le losanghe. Pertanto, controlla attentamente le etichette e chiedi alla farmacia l'esatta composizione dei preparati che acquisti. In alternativa si potrebbe usare il paracetamolo, ma è bene anche consultare un medico perché si osservano anche reazioni ad esso.

Informi sempre il medico se ha avuto reazioni a qualsiasi farmaco, soprattutto se grave.

Editore Ina Dimitrova

Post correlati
- Annuncio -

POPOLARE

NUOVO

- Annuncio -
it_ITIT